Menu

Chiropratica e Prevenzione

0 Comments

Buon Natale e Buone feste a tutti, da AFB chiropractic!

Eccomi qua ancora a divulgare altre informazioni riguardo la straordinaria professione della Chiropratica, dopo un periodo di assenza dovuto a parecchio lavoro..
La tematica di oggi è leggermente critica, perché poggia su uno stereotipo che accompagna la Chiropratica, ossia che se si inizia ad andare dal chiropratico poi si rimarrà legati al trattamento per sempre…
Come in ogni credenza, c’è un minimo di verità. Tuttavia, la situazione è ben più complessa e merita di essere analizzata. Per prima cosa, stabiliamo la differenza tra essere asintomatici e essere in salute: il primo concetto implica solamente non avere dolore, il secondo va oltre perché prevede che le strutture del nostro corpo compiano bene il loro lavoro; di conseguenza, il sistema corpo risulta essere più funzionale e preparato a resistere alle forze esterne (possiamo dedurre da ciò che le possibilità di infortunio diminuiscono radicalmente).
Ed ecco qui il focus di questa news: “dovrei ricevere aggiustamenti chiropratici anche quando il dolore è andato via?”. Un gruppo di ricercatori del Nord Europa ha risposto a questa domanda attraverso uno studio ad elevato valore statistico (Randomized Controlled Trial). In particolare, hanno valutato l’efficacia del “Maintenance Care” (trattamenti di richiamo successivi alla fase acuta) in pazienti con mal di schiena cronico, per capire se fosse un’efficace strategia di prevenzione. 328 pazienti dai 18 ai 65 anni con mal di schiena non specifico che avevano tratto benefici dalla Chiropratica in fase acuta sono stati divisi in modo casuale in due gruppi. Il primo gruppo veniva sottoposto a follow ups costanti (Maintenance Care), il secondo prevedeva trattamenti solo quando i sintomi si ripresentavano. Entrambi i gruppi sono stati rivalutati dopo 12 mesi: il gruppo Maintanence ha mostrato il 12.8% di giorni totali in meno con disturbi derivanti da mal di schiena con solo 1,7 trattamenti in più. Il tutto è stato registrato prendendo in considerazione i feedback dei pazienti e successivamente facendo le corrispettive medie. Di conseguenza, la Maintenance Care dovrebbe essere considerata un’opzione come prevenzione terziaria.
Il paziente non deve vedere il prosieguo dei trattamenti come un obbligo, bensì un’ulteriore via per migliorare il proprio stato di salute. Personalmente, sottopongo i miei denti a controlli di routine annuali pur non avendo evidenti problemi; allo stesso modo dovremmo dare la giusta attenzione anche alla nostra colonna vertebrale.

A presto e Buon Feste ancora a tutti voi!

Fonte: https://www.circleofdocs.com/should-you-get-adjusted-when-you-have-no-pain/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *